Disastro Costa Concordia e psicoterapia di sostegno alle vittime
29 Ottobre 2012
Ansia da prestazione sportiva
29 Novembre 2012

Corsi sulla genitorialità

Vengono proposti ai genitori di giovani atleti alcuni momenti di condivisione attraverso la formazione di "laboratori interattivi" adatti allo sviluppo di un buon equilibrio familiare.

Laboratorio Interattivo per genitori di giovani atleti

Molte sono le discipline sportive che richiedono un impegno costante da parte dei genitori dei giovani atleti. Alcune di queste possono presentare dei rischi propri della disciplina stessa.

Il dott. Claudio Cresti, Psicoterapeuta Familiare  e Psicologo dello Sport a Livorno, da anni organizza corsi sulla genitorialità mirati all’interazione tra genitori e figli, soprattutto quando quest’ultimi sono giovani atleti impegnati a vario titolo e grado nelle  diverse discipline sportive.

I genitori devono essere i primi ad avere fiducia nell’atleta, specialmente quando, in alcuni casi, il genitore stesso si prende l’impegno di seguire (o allenare) personalmente il proprio figlio, apprezzando ogni suo sforzo al di là del risultato.

Quindi, per la gestione e l’ottimizzazione delle risorse dei giovani atleti, le famiglie saranno coinvolte nel processo organizzativo-formativo attraverso momenti di condivisione all’interno di un “laboratorio interattivo”, offrendo occasioni  di confronto e strumenti semplici ed efficaci per cercare di sviluppare un buon equilibrio famigliare.

Linee guida del laboratorio:

  • guidare la famiglia a comprendere come gestire lo stress e l’aggressività relative alle aspettative e alle dinamiche di gara e giudizio rispetto ai risultati attesi/ottenuti;
  • far accettare l’etica dell’impegno per il risultato nel rispetto dell’avversario e nell’accettazione della sconfitta come punto di analisi e ripartenza;
  • aiutare genitori troppo protettivi a evitare di proiettare possibili carenze del figlio su ipotetici colpevoli-capri espiatori esterni, modificare un atteggiamento da parte di genitori troppo critici-giudicanti che potrebbero minare la sicurezza del giovane atleta

 

Organizzazione e temi del laboratorio

Il laboratorio interattivo prevede un ciclo di 2 incontri di 2 ore, rinnovabile, con la presenza costante di due formatori che guideranno i genitori e con l’eventuale presenza dei figli/atleti se specificamente richiesto.
Attraverso momenti di condivisione, giochi di ruolo, e simulazioni e altre azioni interattive il laboratorio si propone di:

  • valorizzare le risorse individuali;
  • migliorare la capacità di ascolto e relazione empatica con il proprio figlio;
  • migliorare la comunicazione all’interno della coppia genitoriale;
  • definire i ruoli specifici di ogni membro della famiglia;
  • definire i confini entro i quali la famiglia gestisce l’attività del figlio ed e gestita da figure professionali eventualmente intervenute successivamente (manager, allenatori, giornalisti, sponsor, ecc.);
  • riflettere sull’importanza e il significato delle regole in età evolutiva;
  • riflettere sull’importanza del ciclo di vita familiare e il mutamento delle regole in funzione dell’attività sportiva intrapresa dal giovane che, crescendo, farà sempre più nuove e pressanti richieste;
  • appropriarsi di strumenti comunicativi e relazionali; rapportarsi alle possibili figure professionali che si alterneranno nella carriera del figlio;
  • avere l’occasione di poter parlare delle proprie paure, compresa quella di farsi male, riguardo il rischio intrinseco nei vari tipi di sport ;
  • alimentazione, scuola, tempo libero;

Il mental coach collaborerà con i genitori per infondere fiducia in loro e quindi nell’atleta, analizzando la prestazione/sconfitta e organizzando e pianificando al meglio il lavoro futuro. La collaborazione atleta-allenatore e genitore è fondamentale e lo psicologo dello sport può stimolare tutti i soggetti a procedere nella stessa direzione, favorendo l’equilibrio del genitore e del giovane che è chiamato ad organizzarsi al meglio tra sport, studio e tempo libero.

Il dott. Claudio Cresti, come Psicologo dello Sport, effettua anche corsi pensati per le professioni, indubbiamente importanti, degli allenatori e tecnici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *